Jeffrey Dahmer , Biblioteca del crimine , Serial killer - Informazioni sul crimine

John Williams 02-10-2023
John Williams

Jeffrey Dahmer, serial killer e molestatore americano, è nato il 21 maggio 1960. Tra il 1978 e il 1991, Dahmer ha ucciso 17 uomini in modo davvero orribile. Stupro, smembramento, necrofilia e cannibalismo erano tutti elementi del suo modus operandi.

Guarda anche: Donne nel braccio della morte - Informazioni sul crimine

Secondo la maggior parte delle testimonianze, Dahmer ha avuto un'infanzia normale; tuttavia, con l'avanzare dell'età, è diventato chiuso e poco comunicativo. Ha iniziato a mostrare scarso interesse per gli hobby o l'interazione sociale quando è entrato nell'adolescenza, dedicandosi invece all'esame di carcasse di animali e al consumo di alcolici per divertirsi. Il consumo di alcolici è continuato per tutta la scuola superiore, ma non gli ha impedito di diplomarsi nel 1978. È stato soloTre settimane dopo il diciottenne commise il suo primo omicidio. Quell'estate, a causa del divorzio dei genitori, Jeffrey rimase da solo nella casa di famiglia e colse l'occasione per mettere in atto i pensieri oscuri che stavano maturando nella sua mente: fece salire un autostoppista di nome Steven Hicks e si offrì di portarlo a casa di suo padre per bere birra.Dahmer lo colpì alla nuca con un manubrio da 10 libbre, poi sezionò, sciolse, polverizzò e sparpagliò i suoi resti ormai impercettibili nel giardino di casa, e in seguito ammise di averlo ucciso semplicemente perché voleva che Hicks restasse. Passarono nove anni prima che uccidesse di nuovo.

Nell'autunno dello stesso anno Dahmer frequenta il college, ma lo abbandona a causa del suo alcolismo. In seguito il padre lo costringe ad arruolarsi nell'esercito, dove presta servizio come medico da combattimento in Germania dal 1979 al 1981. Tuttavia, non riesce a smettere di bere e viene congedato nella primavera dello stesso anno, tornando a casa nell'Ohio. Poiché il suo alcolismo continua a causare problemi, il padre lo manda a vivere con la nonna a West Allis,Nel 1985 frequentava i bagni gay, dove drogava gli uomini e li violentava mentre giacevano svenuti. Sebbene fosse stato arrestato due volte per atti osceni nel 1982 e nel 1986, ha rischiato solo la libertà vigilata e non è stato accusato per gli stupri.

Steven Tuomi è stata la sua seconda vittima, uccisa nel settembre del 1987. Dahmer lo ha prelevato da un bar e lo ha portato in una stanza d'albergo, dove si è svegliato la mattina dopo con il corpo di Tuomi morto e picchiato. In seguito ha dichiarato di non ricordare di aver effettivamente ucciso Tuomi, lasciando intendere di aver commesso il crimine in una sorta di impulso oscurato. Gli omicidi si sono verificati sporadicamente dopo Tuomi, con dueNel 1988, una vittima nel 1989 e quattro nel 1990. Continuava ad adescare uomini ignari nei bar o ad adescare prostitute, che poi drogava, stuprava e strangolava. A questo punto, però, Dahmer iniziò anche a compiere atti particolarmente inquietanti con i loro cadaveri, continuando a usare i corpi per i rapporti sessuali, fotografando il processo di smembramento, conservando con precisione scientificacrani e genitali delle sue vittime per esibirli e persino per conservarne delle parti da consumare.

In questo periodo Dahmer viene arrestato per un incidente avvenuto nel suo posto di lavoro alla fabbrica di cioccolato Ambrosia, dove ha drogato e palpeggiato sessualmente un ragazzino di 13 anni. Per questo gli viene inflitta una condanna a cinque anni di libertà vigilata, un anno in un campo di lavoro e l'obbligo di registrarsi come criminale sessuale. Viene rilasciato con due mesi di anticipo dal programma di lavoro e successivamente si trasferisce in una casa di Milwaukee.Lì, nonostante gli appuntamenti regolari con il suo agente di libertà vigilata, sarebbe rimasto libero di commettere quattro omicidi quell'anno e altri otto nel 1991.

Nell'estate del 1991 Dahmer iniziò a uccidere circa una persona a settimana. Si infatuò dell'idea di poter trasformare le sue vittime in "zombie" che fungessero da partner sessuali giovani e sottomessi. Utilizzò molte tecniche diverse, come forare il cranio e iniettare acido cloridrico o acqua bollente nel loro cervello. Ben presto i vicini iniziarono a lamentarsi di stranerumori e odori sgradevoli provenienti dall'appartamento di Dahmer. In un'occasione, una vittima lobotomizzata lasciata incustodita è persino uscita in strada per chiedere aiuto a diversi passanti. Quando Dahmer è tornato, tuttavia, è riuscito a convincere la polizia che il giovane irrazionale era semplicemente il suo fidanzato estremamente ubriaco. Gli agenti non hanno eseguito un controllo dei precedenti che avrebbe rivelatoLo status di criminale sessuale di Dahmer gli ha permesso di sfuggire ancora per poco al suo destino.

Il 22 luglio 1991, Dahmer attirò Tracy Edwards in casa sua con la promessa di denaro in cambio della sua compagnia. All'interno, Edwards fu poi costretto da Dahmer a entrare in camera da letto con un coltello da macellaio. Durante la colluttazione, Edwards riuscì a liberarsi e a fuggire in strada, dove segnalò un'auto della polizia. Quando la polizia arrivò all'appartamento di Dahmer, Edwards li avvertì del coltelloEntrando nella camera da letto, gli agenti hanno trovato le foto dei cadaveri e degli arti smembrati che hanno permesso loro di arrestare Dahmer. Ulteriori indagini nell'abitazione li hanno portati a trovare una testa mozzata nel frigorifero, altre tre teste mozzate in tutto l'appartamento, diverse fotografie delle vittime e altri resti umani nel frigorifero.Nel suo appartamento sono stati trovati in totale sette teschi e un cuore umano nel congelatore. Nel suo armadio è stato anche costruito un altare con candele e teschi umani. Dopo essere stato preso in custodia, Dahmer ha confessato e ha iniziato a rivelare alle autorità i dettagli raccapriccianti dei suoi crimini.

Dahmer è stato incriminato per 15 omicidi e il processo è iniziato il 30 gennaio 1992. Nonostante le prove contro di lui fossero schiaccianti, Dahmer ha invocato l'infermità mentale come difesa a causa della natura dei suoi impulsi incredibilmente inquietanti e incontrollabili. Dopo due settimane di processo, la corte lo ha dichiarato sano di mente e colpevole di 15 capi d'accusa di omicidio. È stato condannato a 15 ergastoli, per un totale di 957Nel maggio dello stesso anno si dichiarò colpevole dell'omicidio della sua prima vittima, Stephen Hicks, e ricevette un'ulteriore condanna all'ergastolo.

Dahmer ha scontato la sua pena presso il Columbia Correctional Institution di Portage, nel Wisconsin. Durante il periodo di detenzione, Dahmer ha espresso rimorso per le sue azioni e ha desiderato la propria morte. Ha anche letto la Bibbia e si è dichiarato un cristiano nato, pronto per il giudizio finale. È stato attaccato due volte dai compagni di detenzione, con il primo tentativo di aprirgli il collo, lasciandolo con soloTuttavia, fu aggredito una seconda volta il 28 novembre 1994 da un detenuto mentre puliva una delle docce del carcere. Dahmer fu trovato ancora vivo, ma morì durante il tragitto verso l'ospedale per un grave trauma cranico.

Informazioni aggiuntive :

Dahmer su Dahmer di Oxygen: parla un serial killer

Guarda anche: Rizzoli & Isles - Informazioni sui crimini <

John Williams

John Williams è un artista esperto, scrittore ed educatore artistico. Ha conseguito il Bachelor of Fine Arts presso il Pratt Institute di New York City e successivamente ha conseguito il Master in Fine Arts presso la Yale University. Per oltre un decennio ha insegnato arte a studenti di tutte le età in vari contesti educativi. Williams ha esposto le sue opere d'arte in gallerie negli Stati Uniti e ha ricevuto numerosi premi e borse di studio per il suo lavoro creativo. Oltre alle sue attività artistiche, Williams scrive anche di argomenti legati all'arte e tiene seminari di storia e teoria dell'arte. È appassionato di incoraggiare gli altri ad esprimersi attraverso l'arte e crede che tutti abbiano la capacità di creatività.